M5S: "Alto Ionio salvato da folle pozzo esplorativo. Ora lottiamo per sanità e mobilità"

Cosenza, Venerdì 30 Marzo 2018 - 13:53 di Redazione

«Con una battaglia incessante, il Movimento 5stelle ha impedito la realizzazione nell'Alto Ionio cosentino del pozzo esplorativo di Appennine Energy per estrarre idrocarburi. Il territorio è salvo da questa opera folle». Lo affermano, in una nota, i deputati M5s Paolo Parentela, Giuseppe d'Ippolito e Francesco Sapia, che aggiungono:  «Il Ministero dell’Ambiente ha chiuso definitivamente la pratica confermando parere negativo. Il Movimento 5stelle aveva messo a disposizione proprie osservazioni tecniche per fermare il progetto, che avrebbe avuto gravi ripercussioni ambientali. Con interrogazioni, esposti, denunce e presìdi, tutti insieme, comitati compresi, siamo riusciti a preservare un territorio che deve puntare sul turismo sostenibile, sull'agricoltura di qualità e sulle risorse culturali, colpevolmente ignorate dai palazzi del potere». «Adesso – proseguono i deputati 5stelle – si dovrà mantenere alta la vigilanza contro le trivellazioni. Nondimeno, si dovranno battere i pugni per garantire servizi adeguati alla popolazione, intanto per la sanità e la mobilità. Riapriremo i capitoli, dimenticati, dell'ospedale nuovo della Sibaritide, della mancata riattivazione dell'ospedale di Trebisacce, delle risapute carenze, intanto di personale, negli ospedali di Rossano e Corigliano, del funzionamento a singhiozzi dell'ex ospedale di Cariati e della riorganizzazione della sanità pubblica, ostacolata da un Piano di rientro funzionale ai capricci e agli interessi di una politica miope e nemica dello sviluppo pubblico». «I cittadini – concludono i 5stelle – saranno fieri d'aver riposto la loro fiducia su una forza politica attenta ai problemi veri e concretamente operativa a favore delle comunità locali».



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code