Impianto Celico, Rizzo: “conferiti carta, cartone e plastica”

Cosenza, Mercoledì 28 Marzo 2018 - 19:02 di Redazione

Nei giorni scorsi l’assessora regionale all’ambiente Antonella Rizzo ha presieduto una riunione con i sindaci dei  Comuni della Presila cosentina e con l’Arpacal con all’ordine del giorno il Piano di monitoraggio per l'impianto di Celico. Nel corso della riunione si è  concordato un Piano di monitoraggio delle emissione odorifere sull’area che coinvolge i comuni di Celico, Rovito, Lappano e Spezzano Sila. Le amministrazioni  comunali si sono impegnate a fornire al Dipartimento regionale dell’ambiente una mappa dei siti da indagare sia attraverso l’utilizzo del “naso elettronico” e sia con l’individuazione di volontari, appositamente formati dall’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente per la Calabria e a cui verrà assicurato l'anonimato, che avranno il compito di allertare le istituzioni nel caso di odori sospetti. Si è anche entrati nel merito del contenuto della lettera a firma del Comitato ambientale Presilano (vedi allegato) con la quale, tra l’altro, si chiede al Dipartimento regionale “a seguito dell’individuazione di alcuni mezzi della Maya di Casalnuovo di Napoli che nella giornata del 22 marzo 2018 percorrevano la SS107 in direzione di Celico di verificare se nell’impianto siano iniziate le lavorazioni e/o lo sversamento dei rifiuti e il tipo del rifiuto conferito…”. L’assessore Rizzo ha subito tranquillizzato gli amministratore degli enti locali presenti alla riunione mostrando copia del verbale (vedi allegato) di controllo del 23 marzo scorso inviato dall’Arpacal dal quale si evince che, in seguito all’ultima verifica effettuata nei giorni 19, 20, 21 è 22 marzo, i rifiuti  conferiti nell’impianto sono costituiti da scarti di plastica, carta e cartone proveniente dal circuito Corepla. L’assessore Rizzo, nell’evidenziare che proprio nel segno della trasparenza l’amministrazione Oliverio non ha paura di mostrare gli atti, ricorda che “per come concordato con i sindaci in un’altra precedente riunione, alla presenza anche del presidente della Regione Mario Oliverio, l'attività di conferimento nell'impianto di Celico viene monitorata attraverso due distinte fasi. La prima stabilisce l’intervento di Arpa Piemonte e dell’Arpacal con l'utilizzo di strumentazioni elettroniche di ultima generazione; la seconda, con durata di circa 10/12 mesi, prevede una mappatura odorigena di tutta l’area della Presila con campionamenti e controlli presso la struttura. Ribadisco pertanto che l’impianto, così come concordato con i sindaci, è costantemente ispezionato da Arpacal e sarà anche oggetto di un’attività di controllo che durerà  12 mesi e che avrà  il compito di assicurare la corretta gestione dell'impianto e la tutela della salute pubblica”. 



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code