Il Tribunale condanna Poste Italiane a risarcire il Comune di Cosenza

Cosenza, Giovedì 13 Aprile 2017 - 16:25 di Redazione

Il Tribunale di Cosenza, con sentenza n.716 dell'11 aprile, ha condannato Poste Italiane S.P.A. a risarcire al Comune di Cosenza la somma di un milione e 709.237,70 euro, oltre gli interessi, al termine di un contenzioso sorto in seguito alla condotta di Poste Italiane che, sostituendosi illegalmente al Tesoriere comunale (Banca Carime), aveva trattenuto, in modo indebito, nelle proprie casse, somme di denaro di pertinenza della Pubblica Amministrazione.A darne notizia, l'Avvocatura comunale, attraverso l'avvocato Agostino Rosselli che ha sostenuto, davanti al Tribunale, le ragioni del Comune di Cosenza.Oltre alla condanna di Poste Italiane al risarcimento del danno al Comune di Cosenza, il Tribunale ha dichiarato la risoluzione di n. 9 contratti di conto bancoposta aperti dal Comune per agevolare i pagamenti da parte dei contribuenti sparsi nel territorio nazionale.“Il Comune di Cosenza - spiega l'Avvocato Agostino Rosselli - aveva chiesto al Tribunale1) di dichiarare che non sono ammesse procedure di esecuzione e di espropriazione forzata nei confronti del Comune di Cosenza presso le Poste Italiane s.p.a. soggetto diverso dal tesoriere comunale (Banca Carime spa) e che gli atti esecutivi intrapresi presso le Poste Italiane s.p.a. non determinano vincoli sui conti correnti postali intestati al Comune di Cosenza;2) di dichiarare risolti, per colpa di Poste Italiane S.P.A. i contratti di conti correnti postali intestati al Comune di Cosenza;3) di condannare Poste Italiane S.P.A. alla restituzione,in favore del Comune di Cosenza, di tutte le somme indebitamente vincolate, maggiorate degli interessi legali e della rivalutazione monetaria;4) di condannare, infine, Poste Italiane al risarcimento dei danni conseguenti alla mancata utilizzazione da parte della P.A. delle somme indebitamente vincolate.”Il Tribunale di Cosenza, accogliendo la difesa del Comune, applicando in modo corretto le disposizioni inderogabili di cui all’art. 159 del d.lgs. 267/2000, secondo cui gli atti esecutivi eventualmente intrapresi nei confronti di soggetto diverso dal tesoriere dell’ente locale sono del tutto inidonei a determinare vincoli sui beni oggetto delle procedure esecutive, ha censurato i comportamenti delle Poste Italiane affermandone l’illegittimità, la contrarietà a norma di legge ed ai doveri di correttezza e buona fede che dovrebbero improntare i rapporti tra le parti.Il Tribunale ha affermato, inoltre, che Poste Italiane non poteva ritenersi obbligato a vincolare le somme oggetto dei pignoramenti che le venivano notificati e, soprattutto, non avrebbe dovuto rendere dichiarazione positiva.Peraltro l' illegittimità del comportamento - si legge ancora nella sentenza del Tribunale - era stata debitamente segnalata dal Comune con due distinte diffide, con le quali era stata evidenziata l’impossibilità di imporre vincoli alle somme versate sui conti Bancoposta intestati al Comune di Cosenza, trattandosi di conti di servizio per le funzioni essenziali dell’ente, dai quali il tesoriere avrebbe dovuto attingere le somme per i servizi essenziali dell’Ente (oltre che per il pagamento dei creditori che avevano correttamente proceduto a pignoramento).Per l'Avvocato Rosselli la sentenza del Tribunale di Cosenza è destinata a fare giurisprudenza, in quanto si tratta di “una decisione che fa chiarezza in una materia delicata quale è l’espropriazione forzata a danno della P.A. ed è di fondamentale importanza per tutti i 7.982 Comuni d’Italia che quotidianamente subiscono la sottrazione indebita di ingenti somme di denaro da parte di una società privata che non agisce certamente per il bene pubblico e ritiene lecito sostituirsi ai tesorieri degli enti locali trattenendo presso le proprie casse ingenti somme di denaro lucrando su un bene destinato a soddisfare servizi pubblici essenziali dei cittadini italiani”.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code